Recensione: MAX PAYNE

Trasposizione cinematografica dell’omonimo videogame piuttosto insipido e poco avvincente.


TITOLO ORIGINALE: Max Payne

NAZIONE:

ANNO: 2008

REGISTA: John Moore

INTERPRETI PRINCIPALI: Mark Wahlberg, Mila Kunis, Beau
Bridges, Olga Kurylenko, Ludacris, Donal Logue, Chris O’Donnell, Kate Burton, Amaury Nolasco

GENERE: Azione, Drammatico

DURATA: 100 min. (1h 40 min), colore, sonoro

SINOSSI: Max Payne, un poliziotto di New York, vuole vendicare la morte di sua moglie e suo figlio ma si troverà immischiato in un situazione più grande…

RECENSIONE: Chi scrive questa recensione è un appassionato del videogioco di Max Payne. Quindi credevo che il mio giudizio sarebbe stato influenzato dal desiderio di vedere le avventure di Max Payne sul grande schermo, ma questo, a parte alcuni dettagli, al fin dei conti non va a cambiare molto il risultato di questa recensione. A parte questo doverosa precisazione iniziamo a parlare del film:Wahlberg è protagonista in questo live-action basato sull’omonimo videogioco Max Payne. Il film presenta divergenze con la trama del videogioco ma non è questo che lo rende un film deludente e abbastanza piatto. Il plot narrativo del videogioco, coinvolgente e avvincente, è stato appiattito per dare al film più azione. Sono state conservate le ambientazione e l’aspetto gotico ma non hanno lo stesso impatto. Il film è molto meno “noir” del videogioco e l’effetto bullet-time è molto meno sfruttato del dovuto, forse dovuto dal film innovatore di questo effetto speciale: Matrix.
Wahlberg è forse la scelta giusta per interpretare il detective di New York al quale hanno ucciso la moglie e il figlio. La sceneggiatura è scadente, ed è strano perché è basata su un soggetto solido, ma soprattutto è piena di dialoghi “telefonati” che appesantiscono la pellicola inevitabilmente. Le scene d’azione sono ben studiate e create ma forse è uno dei pochi aspetti positivi che si possa incontrare in Max Payne, insieme alla fenomenale fotografia.

CURIOSITÀ:

  • È presente una scena aggiuntiva al finale dei crediti che fa presagire a un secondo capitolo ma attualmente non si hanno notizie sulla realizzazione di un Max Payne 2.
  • Mark Wahlberg ha dichiarato che non ha mai giocato al videogame.
  • Questo è il secondo film di Olga Kurylenko basato su un videogame, il primio era Hitman.
  • Mark Wahlberg ha dichiarato che john Moore è uno dei migliori registi con il quale ha lavorato.
  • In internet è stato votato come “uno dei peggiori film mai fatti”.
  • Mark Wahlberg e Mila Kunis hanno lavorato insieme anche in Notte folle a Manhattan e Ted.
  • Beau Bridges ha le stesse iniziali del suo personaggio, infatti interpreta B.B.

CONSIGLI: Se siete fan del videogame sarà abbastanza deludente per voi vedere questa pellicola.

IN UNA PAROLA: Deludente

GIUDIZIO: 5

Hello world!

Welcome to WordPress. This is your first post. Edit or delete it, then start writing!

NEWS: Guarda chi è ritornato… un film controverso

La figura del Fürer continua ad affascinare il mondo del cinema.


Prendete Adolf Hitler, risvegliatelo nel XXI secolo e toglietegli la memoria: questi sono gli ingredienti di “Er ist wieder da” (“Look Who’s Back” in inglese).
Questo film è la trasposizione cinematografica del libro di Timur Vermes, best-seller in Germania e sarà trasmesso sulla piattaforma Netflix il 9 Aprile. Il Guardian la definisce una barzelletta mediocre che improvvisamente è diventata un successo. Staremo a vedere. Sicuramente sarà divertente vedere Hitler alle prese con la tecnologia del XXI secolo. Il film è diretto da David Wnendt con Oliver Masucci nei panni di Hitler. Qui il trailer sotottitolato in inglese.

NEWS: Inizia la produzione di Sherlock Holmes 3

L’attore protagonista Robert Downey Jr. conferma che il terzo capitolo del è attualmente in lavorazione


Robert Downey Jr. conferma che è iniziato lo sviluppo del terzo capitolo della serie basata sull’investigatore londinese. Pare che ci sia la volontà secondo gli addetti ai lavori di fare questo terzo capitolo il film più bello della saga. Sono confermati Jude Law e Robert Downey Jr. La data di uscita è ancora da definire. Quello che rimane da vedere è quale cattivo i due eroi combatteranno dopo che lord Blackwood e il Professor Moriarty sono stati sconfitti. Rimaniamo in attesa di sviluppi.

NEWS: Indiana Jones 5 si farà

Ritorna lo storico archeologo creato da George Lucas


Dopo il grande ritorno di Harrison Ford nei panni di Han Solo nel film Star Wars: il risveglio della forza di J.J. Abrams assisteremo ad un nuovo grande ritorno. La Disney ha annunciato ufficialmente l’inizio della produzione della quinta pellicola sull’archeologo più avventuriero della storia del cinema. Sono confermati Steven Spielberg alla regia e Harrison Ford nei panni di Indy. Speriamo solo che non sia un buco nell’acqua per saperlo dovremo aspettare il 19 luglio 2019.

NEWS: Incassi del week-end (18 dicembre 2015)

Ecco gli incassi del box-office italiano aggiornati al 18 dicembre 2015. La saga di Lucas sbanca!

Primo posto nel week-end
del 18 dicembre 2015

Ecco la classifica:
  1. Star Wars: Episodio VII – Il risveglio della forza di J.J. Abrams
  2. Vacanze ai Caraibi – Il film di Natale di Neri Parenti
  3. Natale col Boss di Volfango De Biasi
  4. Il ponte delle spie di Steven Spielberg
  5. Irrational Man di Woody Allen
Sbanca ai botteghini il nuovo capitolo di Star Wars, tallonato dall’immancabile cinepanettone di Neri Parenti. Entra in classifica il nuovo film di Steven Spielbeg e rimane nella Top 10 il film di Ron Howard. Sembrerebbe che il gusto dei cineamatori italiani si stia spostando verso il confine francese lo dimostra la presenza di due produzioni come Belle & Sebastien al settimo posto e 11 donne a Parigi al decimo. Pieraccioni con il suo Professor Cenerentolo è al sesto.

NEWS: Incassi del week-end (4 dicembre 2015)

Ecco gli incassi del box-office italiano aggiornati al 4 dicembre 2015. Il grande ritorno di Ron Howard.


Ecco la classifica:
  1. Heart Of The Sea di Ron Howard
  2. hiamatemi Francesco – Il Papa della gente di Daniele Luchetti
  3. Il viaggio di Arlo di Peter Sohn
  4. Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte II di Francis Lawrence
  5. Il sapore del successo di John Wells
Nella Top 5 italiana di produzioni tricolore troviamo solo il lavoro di Daniele Luchetti per trovare altre produzioni italiane dobbiamo guardare al nono e al decimo posto con Matrimonio al sud e La felicità è un sistema complesso. Subito dopo la nostra Top 5 si da spazio a produzioni thriller e horror come Regression e The Visit. Spectre il nuovo film su James Bond con Daniel Craig conquista l’ottava posizione.

Recensione: IL GABINETTO DEL DOTTOR CALIGARI

Recensione del film Il gabinetto del dottor Caligari film manifesto dell’espressionismo tedesco di Robert Wiene

TITOLO ORIGINALE: Das Cabinet des Dr. Caligari
NAZIONE: Germania
ANNO: 1920
REGISTA: Robert Wiene
INTERPRETI PRINCIPALI: Friedrich Fehér, Werner Krauss, Conrad Veidt, Lil Dagover, Hans Heinrich von Twardowski, Rudolf Lettinger
GENERE: Horror, Drammatico
DURATA: 71 min. (1h e 11 min), b/n, muto
SINOSSI: Francis racconta la sua storia a un vecchio signore che ha come protagonista lui e un fantomatico dottor Caligari…
RECENSIONE: Il film di Wiene oltre a essere l’apice del movimento artistico dell’espressionismo ha molti aspetti nella struttura delle sceneggiatura del cinema moderno. Il linguaggio estetico del film ha le caratteristiche dei film del cinema muto inquadrature fisse a stampo teatrale, ma ha una modernità nella struttura della sceneggiatura come ad esempio l’utilizzo del flashback, presente in tutto il film. La scenografia sghemba, senza prospettiva, carica di scuri danno al complessità del film un carattere cupo. La tensione drammatica cresce fino ad arrivare al finale pieno di colpi di scena. La dualità tra sogno e realtà, e dei personaggi stessi, fanno di questa pellicola una pietra miliare del cinema degli anni 20. Questo film è un classico esempio dove l’estetica delle immagini è funzionale alla storia. L’uso delle immagini virate è sapientemente usato, caratteristica persa con l’avvento dei colori. Il trucco degli attori dà forza e potenza ai vari personaggi donando caratteristiche inquietanti e spaventose. La tecnica attoriale è ridondante, pesante e molto esagerata tipica del cinema dell’epoca ma questo, considerando l’impossibilità di poter usare la parola, dona ai personaggi carattere e forza. Da manuale l’uso delle inquadrature con mascherini e dissolvenze. Molto forte il personaggio del sonnambulo Cesare.
CONSIGLI: Solo per i veri appassionati del cinema.
IN UNA PAROLA: Intramontabile

GIUDIZIO: 9

NEWS: War Games in lavorazione un reboot

Il film cult degli anni 80 War Games avrà presto un reboot

Siamo in un periodo dove i remake vengono prodotti uno dietro l’altro. Sembra quasi che Hollywood non abbia più nuove idee da sfornare. In questo processo di “reinvestimento di idee” è caduto anche il film cult degli anni 80: War Games.

Per maggiori informazioni: War Games avrà un reboot

Recensione: DON JON

Recensione del film Don Jon film di debutto di Jason Gordon-Levitt: sorprendente e provocante.

TITOLO ORIGINALE: Don Jon

NAZIONE: Usa

ANNO: 2013

REGISTA: Joseph Gordon-Levitt

INTERPRETI PRINCIPALI: Joseph Gordon-Levitt, Scarlett Johansson, Julianne Moore, Tony Danza, Rob Brown, Brie Larson, Italia Ricci

GENERE: Commedia, Drammatico

DURATA: 90 min. (1h e 30 min), colore

SINOSSI: John Martello Jr., per gli amici Don Jon, ha una vita routinaria divisa tra il suo appartamento, la famiglia, gli amici , le donne , la palestra ma sopratutto il porno. Fino a che non conosce una ragazza…

RECENSIONE: Questo film è sorprendente! Scava nei rapporti umani con intelligenza e sagacia. Analizza tutte le fasi della vita sentimentale di un uomo, da scapolo alla vita in coppia ed il tutto ruota intorno all’ossessione del porno del protagonista (divertente il confronto che viene fatto tra la finzione del porno e la realtà). Un affresco moderno e veritiero di come l’uomo gestisce i rapporti umani al giorno d’oggi, di come si sviluppa un rapporto di coppia e di come la passione per i porno può essere deleteria per la coppia. Ma viene trattato anche il tema “amore”, viene analizzato in modo maturo e non banale come si è abituati a vedere nei film. Tecnicamente la pellicola è strutturata bene: un montaggio serrato detta il ritmo della vita quotidiana del protagonista, le soggettive del laptop spiano il protagonista nei momenti più intimi, il gioco di luci sottolineano ed evidenziano dove la concentrazione dello spettatore si deve focalizzare. Insomma tutto molto ben studiato e gestito. Scarlett Johansson in questo film è spettacolare, una bellezza mozzafiato che fa “disconnetere” il protagonista (interpretato da Joseph Gordon-Levitt) da quello che più gli piace e dalle sue passioni, che comanda Jon con il potere del sesso. Capitolo a parte per Julienne Moore, che interpreta una donna con più esperienza e più cicatrici nell’anima: matura, spiazzante, interessante e sconvolgente. Attorialmente una spanna più in alto della Johansson, questo è sicuramente dettato anche dal proprio personaggio avendo più sfaccettature ed essendo molto più profondo (rispetto al personaggio della Johansson, più frivolo e superficiale).
Un eccellente prodotto se consideriamo che è la opera prima di Joseph Gordon-Levitt, che ha scritto, diretto e interpretato questo film. Un film divertente e serio nello stesso tempo. Un film che dà da pensare anche sul significato della parola “amore” seguendo stilemi contemporanei e per niente sdolcinati.

CURIOSITA’: in aggiornamento

CONSIGLI: Godetevi questo sorprendente film e se avete un ragazzo o una ragazza è un’occasione buona per riflettere sul vostro ruolo che avete in coppia, con il sorriso.

IN UNA PAROLA: Moderno

GIUDIZIO: 7 e mezzo